GUERRA E INCUBO NUCLEARE RACCONTATI ATTRAVERSO I VIDEOGAME

Il 17 ottobre, a Bari, si confronteranno esperti di storia, geopolitica, letteratura, videogiochi e non solo.

Evento in collaborazione con Apulia Film Commission.

Che rapporto c’è tra guerra, giochi e videogiochi? Come si può raccontare, attraverso un’attività ludica, il dramma del conflitto, l’inferno della distruzione o la minaccia del reciproco annientamento nucleare, tema tornato tristemente attuale con lo scoppio delle ostilità tra Russia e Ucraina? Trenta esperti in diverse discipline, provenienti da Italia e svariati paesi d’Europa, ne parleranno a Bari, lunedì 17 ottobre, nella Mediateca Regionale Pugliese, in occasione di “Videogames, Guerra e Alta Cultura”.

Tra loro, esperti e sviluppatori di videogame, giochi da tavola e wargame, docenti e ricercatori di storia moderna, romana e militare, docenti di letteratura e rappresentanti dell’editoria fantascientifica, organizzatori del devcom/Gamescom di Colonia (il più grande evento fieristico del digital entertainment in Europa), esperti di geopolitica e collaboratori della rivista Limes, il più celebre periodico italiano dedicato a politica estera, economia e attualità internazionale.

Seguendo un inedito approccio multidisciplinare e multiprofessionale, si analizzerà il forte legame tra la guerra e il poliedrico universo dei videogame. Una parentela strettissima. Il tema bellico è sempre stato protagonista del media videoludico. Sin dai conflitti spaziali bidimensionali dei primi videogame anni ‘70. In poco più di 50 anni, questo nuovo media si è dimostrato in grado di raccontare la guerra, con stili e linguaggi diversi, non più solo in termini ludici, ma sfruttando l’elemento interattivo per narrare anche gli aspetti più tragici dei conflitti antichi e moderni e i pericoli delle armi oggi a disposizione dell’umanità.

L’evento è organizzato da Age Of Games, software house italiana con sede a Bari, in collaborazione con Apulia Film Commission e Regione Puglia. Alla sua quinta edizione, il progetto “Videogames e Alta Cultura” è nato a Bari nel 2018, da un’idea di Fabio Belsanti, game designer con una formazione da storico, Roberto Talamo, teorico della letteratura e insegnante, ed Elisa Di Lorenzo, CEO Untold Games.

«Una giornata per comprendere lo stretto rapporto tra giochi, videogiochi e guerra – spiega Fabio Belsanti – Credo fermamente che i giochi, in particolare l’antica essenza del “Ludus”, non debbano dimostrare più nulla alla Cultura o alla Storia. Sono la Cultura e la Storia che devono capire di essere strutture ludiche di un Gioco Misterioso sospeso tra creazione e distruzione, tra speranza e disperazione in una conflittuale cyber-era che sta pericolosamente contemplando l’abisso della fine dei tempi».

La Mediateca Regionale Pugliese è in via Giuseppe Zanardelli 30, Bari. Nel link, le indicazioni per raggiungere il luogo dell’evento: https://bit.ly/3fBmoQB.  

Appuntamento alle 8,30. L’evento si chiuderà nel pomeriggio alle 18. Per ulteriori informazioni sul programma della giornata e sugli ospiti: info@ageofgames.net.  

Skip to content