loghi_footer

Get your a** to mediateca for the Philip K. Dick day!!! SOGNANDO PECORE ELETTRICHE / TOTAL RECALL 1. E 2. mercoledì 26, a partire dalle 16.00, vernissage e visioni.1005565_304924536309702_844415754_n

MEDIATECA REGIONALE PUGLIESE E CIRCUITO D’AUTORE

PRESENTANO

IL CINEMA MIGRANTE DI GIOVANNI PRINCIGALLI

da lunedì inoltre al via il laboratorio DIGITAL HERITAGE

 Uno speciale appuntamento la prossima settimana, lunedì 10 giugno, e quella successiva, lunedì 17, curato da Mediateca Regionale Pugliese insieme con Circuito D’Autore di Apulia Film Commission.

La giovane Mediateca di Bari ospiterà il cinema “migrante” e documentario di Giovanni Princigalli, regista barese, trapiantato in Canada da oltre dieci anni, che nella sua città torna a proporre alcuni dei suoi lavori più significativi, tutti legati al tema della migrazione e del confronto tra culture e storie umane. Inoltre l’intera settimana della Mediateca Regionale, come le successive, sarà impegnata nell’avvio del laboratorio dal basso “Digital Heritage” dedicato alla gestione degli archivi audiovisivi, alla digitalizzazione dei documenti e alle possibilità offerte dalle nuove tecnologie (info all’indirizzo info@archiviooggettismarriti.it).

Venendo ai lavori di Giovanni Princigalli lunedì 10 giugno saranno quindi proiettati “Ho fatto il mio coraggio” alle 18.30 e “I fiori alla finestra” alle 19.20. Nel primo si narra di storie d’amore, matrimoni tristi e felici, fidanzamenti, incontri per foto, procura e posta tra gli Italiani di Montréal e gli Italiani del Sud Italia, tra gli anni ’50 e gli anni ’60.  Il film si sofferma poi su temi quali la trasformazione e il passaggio di tali “promessi sposi” da contadini in operai (si parla quindi dei conflitti sul lavoro, il sindacato, il padronato, la condizione della donne in fabbrica), ed infine la vecchiaia, e come si attende l’ultimo viaggio, l’ultimo passaggio, quello dalla vita alla morte o ad un’altra vita ancora. Le musiche sono tra gli altri firmate da Officina Zoè ed Ambrogio Sparagna.

“I fiori alla finestra” è invece la storia di Nadège, Amélie e Léonie che volevano migliorare la loro vita.  Sognavano di volare attraverso la finestra di un sito d’incontro amorosi o di una web cam, ma che invece resteranno nel loro paese, il Camerun, cambiano così non più di paese ma di vita, cercando di migliorare quest’ultima grazie all’arte. Ma è altresì la storia della loro amicizia con il regista del film che per conoscerle e raccontare la loro storia realizzare il suo primo viaggio in Africa.

Lunedì 17 giugno, alle 18.30, sarà invece proposto “Japigia Gagì”, la cui proiezione sarà seguita da un incontro dibattito con il sociologo Franco Cassano. Girato nel quartiere Japigia di Bari, il documentario guarda alla comunità rom che qui vi risiede in un campo fatto di baracche di legno e circondato dagli alti ed enormi palazzi della periferia: un villaggio nel bel mezzo di una foresta, la cultura circondata dalla natura o se si preferisce da un’altra cultura. Per motivi igienici il pericolo di sgombero da parte del Comune è incombente. Due volontari seguono da vicino la vita nel campo. Per evitare lo sgombero, la parrocchia rionale e la diocesi mettono a disposizione alcuni prefabbricati ed un terreno di loro proprietà. Ma in cambio i rom devono mandare i bambini a scuola.

Tra gli appuntamenti di questa settimana in Mediateca, sabato 15 giugno alle 11.00 si terrà lo StreetPassMeeting, raduno – organizzato da Another Castle e Otaku no Empire -. per appassionati dei gochi e delle console Nintendo.  A partire dalle 12.00 e fino alle 17.00 di sabato 15, si svolgeranno una serie di attività per i possessori di console Nintendo 3DS, mirate a coinvolgere più persone possibili in alcune modalità di gioco per più giocatori. A fine giornata non mancheranno premi e gadget per i partecipanti più attivi.

L’ingresso agli eventi è gratuito, info www.mediatecapuglia.it.

 

La Mediateca è un’iniziativa a valere su risorse del PO FESR Puglia, Asse IV – Azione 4.3.1.

japigia gagi

digitalheritage

Enrico Ghezzi, Alina Marazzi, Roland Sejko maestri d’eccezione nel laboratorio dal basso sugli archivi audiovisivi

 

Spazio dedicato ai nuovi linguaggi dei media, luogo aperto alla formazione, alla condivisione e alla cultura dell’audiovisivo a tutto tondo, la Mediateca Regionale Pugliese accoglie il laboratorio dal basso Digital Heritage, che si terrà a Bari da lunedì 10 a sabato 22 giugno (partecipazione gratuita, info info@archiviooggettismarriti.it).

Con l’obiettivo di rivolgersi a archivisti audiovisivi, ma anche ad operatori culturali che operano tra musei, teche e archivi e a studenti universitari specializzati nel cinema, Digital Heritage è quindi dedicato alla gestione degli archivi audiovisivi, alla digitalizzazione dei documenti e alle possibilità offerte dalle nuove tecnologie.

Digital Heritage nasce da un’idea di OGGETTI SMARRITI e del collettivo 14fps, realtà pugliese giovanissima che racchiude al suo interno operatori culturali e giovani video maker, in collaborazione con l’Università degli Studi di Bari, Centro Studi AFC e Apulia Film Commission per il piano di sviluppo della Mediateca Regionale Pugliese.

Realizzato con il contributo dell’Iniziativa Laboratori dal Basso dell’ARTI, azione della Regione Puglia cofinanziata dalla UE attraverso il PO FSE 2007–2013.

Nelle intense settimane di laboratorio, i corsisti si divideranno fra la Mediateca e il Palazzo ex Poste di Bari, dove avranno modo di confrontarsi sia con alcuni dei maggiori esperti in materia di archiviazione quali Serena Barela dell’AAMOD (Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico) o Massimo Canario dell’Istituto Luce sia con registi che spesso usano materiale documentario o d’archivio per i loro film quali Alina Marazzi (regista di Un’ora sola ti vorrei, Vogliamo anche le rose e l’ultimo Tutto parla di te) o Roland Sejko (autore del documentario La nave, vincitore del David di Donatello 2013 per il documentario La nave).

Tra i “maestri” attesi nell’intensa attività di laboratorio ci saranno poi il critico cinematografico, scrittore, autore e conduttore televisivo Enrico Ghezzi che con il suo cult Blob ha fatto degli archivi dei veri e propri palinsesti televisivi, il regista Marco Bertozzi docente presso lo IUAV di Venezia e il critico, traduttore e programmatore David Phelps, curatore di antologie di Fritz Lang e George Cukor ed editor per le riviste internazionali “Cinema Lumière”, “Desistfilm” e “La Furia umana”.

Gli allievi che parteciperanno a Digital Heritage avranno la possibilità di affrontare il tema della conservazione e dell’archiviazione dell’audiovisivo con docenti d’eccellenza. Queste lezioni aperte saranno affiancate da tre project work per un numero chiuso a 25 partecipanti dove il compito sarà quello di creare nuove opere di senso a partire da una selezione di immagini d’archivio messa a disposizione dallo stesso archivio OGGETTI SMARRITI. (per prenotazioni scrivere a: info@archiviooggettismarriti.it)

 

La Mediateca è un’ iniziativa cofinanziata dal FESR – Azione 4.3.1.

Info www.digitalheritage.it

4480316470_eeef94d6a6_o

 

 

Il convegno su “Cybercorpi, Realtà Aumentata e Spazio Urbano” in apertura del primo festival “Digital Pride” apre una settimana come sempre fitta nella Mediateca Regionale Pugliese, gestita da Apulia Film Commission con momenti di formazione, la musica e gli appuntamenti con il cinema.

Lunedì 20 si comincia la mattina alle 10.00 con il convegno in collaborazione con la Laurea Magistrale in Scienze dell’informazione editoriale, pubblica e sociale. Tanti gli ospiti esperti nell’ambito delle pratiche sociali elettroniche che intervengono insieme a studenti e professionisti su temi di grande attualità internazionale quali: la Digital Persona, l’arte e le socialità nate dalla rete, per introdurre il pubblico al festival “Digital Pride”. Festival internazionale dedicato alle arti digitali, promosso dall’associazione Bad Ideas, InSynch Lab e Joyfull Family Records. La manifestazione, patrocinata da Assessorato al Mediterraneo Cultura e Turismo della Regione Puglia, Apulia Film Commission, Mediateca Regionale Pugliese, Comune di Lecce, Fondazione D’Ars Oscar Signorini onlus e Milano in digitale si terrà poi fra Bari e Lecce a partire dal 22 maggio e fino al 1° giugno.

Martedì e mercoledì i corsi di informatica, le lezioni per gli studenti dell’Accademia di Belle Arti e i laboratori del progetto “I make”, mentre giovedì 23 – dalle 15.00 alle 17.00 – la Mediateca ospita una tappa del Festival dell’Innovazione con l’appuntamento ECCL (European Creative Cluster Lab), progetto che riunisce operatori e policy makers regionali e nazionali a livello Europeo con l¹obiettivo di migliorare la cooperazione transazionale a supporto delle industrie creative, un laboratorio per elaborare e testare nuovi approcci alla gestione dei distretti creativi.

Sempre giovedì, dalle 18.00 alle 22.00, lo spazio sarà per la musica e per “Jump in the dark”, un progetto di improvvisazione musicale che nasce da un’idea di Gianni Cellammare, E.R.Epifania, Mimmo Galizia, Tony Cazzotti, Ambrogio Palmisano, Manlio Epifania: i sei artisti/musicisti, ciascuno con la propria specifica competenza, hanno deciso di dedicare il loro lavoro ai temi dell’ambiente e della sua tutela.

Infine venerdì 24 maggio la settimana si conclude con l’appuntamento “Ecografie del cinema”, un evento dedicato alla commistione fra arte, cibo e sogno con ospiti che conducono un workshop e a seguire sorprendenti visioni di film evocative .

 

locandina_A3

Il genio di Todd Solondz, il cinema per i più piccoli, musica e filosofia nella settimana della Mediateca Regionale Pugliese.

Terminata l’indagine sul regista giapponese Tzukamoto, la rassegna “Registi fuori dagli schermi #2” curata da Apulia Film Commission con Uzak e CaratteriMobili sposta il suo occhio su Todd Solondz, uno dei più lucidi osservatori della società contemporanea del quale lunedì alle 18.00 sarà proposto “Storytelling” e le cui proiezioni in Mediateca saranno affiancate da un’intensa giornata al Cineporto di Bari (in programma martedì 14 maggio).

Il cinema per i bambini sarà invece quella del festival “Maggio all’infanzia” organizzato da Fondazione Città Bambino, con Teatro Kismet e Teatro Pubblico Pugliese: la Mediateca Regionale ha per il festival realizzato una selezione ad hoc con proiezioni che cominceranno lunedì 13 per terminare sabato 18. La minirassegna proposta è stata pensata per attraversare più età offrendo un ventaglio di generi che vanno dalla passione per la libertà raccontata dall’universo amerindiano di “Spirit” (in programma lunedì alle 16.00), passando per la poesia e la raffinatezza dei disegni del pluripremiato “Belleville”, senza trascurare l’indiscusso genio nipponico Miyazaki che attira grandi e piccini con il suo classico “Totoro”. Di sapore nostrano la “Pimpa” e in chiusura un meraviglioso racconto animato che invita al sogno e all’amore per le favole: Nat. In apertura e chiusura l’archeologia dei cartoons con preziosi corti di Balthazar e Felix the Cat (in allegato il programma generale di maggio in Mediateca con tutti i dettagli).

Tra cinema e filosofia un nuovo appuntamento giovedì 16 maggio con “Considerazioni inattuali…Nietzsche riflesso”, il ciclo curato da Gemma Bianca Adesso e Luigi Abiusi associati al Seminario di filosofia “Considerazioni inattuali”: in questa giornata la conversazione ruoterà attorno al film “Faust” del regista russo Aleksander Sokurov (2011) che sarà proiettato alle 18.00.

Venerdì alle 18.00 il primo incontro di Ecografie del cinema, rassegna di tre appuntamenti a cura di Iris e Prometeo Video Lab sul tema “Cinema tra arte, sogno e cibo” con workshop e proiezioni ricche di suggestioni accompagnate da ospiti e ed esperti.

Infine l’evento musicale della settimana per il format FUQ: frequently unasked questions è

sabato 18 maggio alle ore 11.30: torna sulle scene Reverendo, storico musicista barese fondatore di Puglia Tribe, per presentare in mediateca “Sole asciuga tu” il videoclip estratto dall’album “Oltre” in uscita il 13 maggio.

Gli eventi sono a ingresso gratuito; info www.mediatecapuglia.it.

La Mediateca è un’iniziativa cofinanziata dal FESR – Azione 4.3.1.


Si svolgerà a Bari e Lecce la prima edizione di Digital Pride, festival internazionale dedicato alle arti digitali, promosso dall’associazione Bad Ideas, InSynch Lab e Joyfull Family Records. La manifestazione, patrocinata da Assessorato al Mediterraneo Cultura e Turismo della Regione Puglia, Apulia Film Commission, Mediateca Regionale Pugliese, Comune di Lecce, Fondazione D’Ars Oscar Signorini onlus e Milano in digitale, promuove iniziative legate alle nuove tecnologie grazie a un ricco programma di produzioni multimediali, lectures e progetti in grado di offrire un variegato panorama sulla ricerca audiovisiva contemporanea. Il festival, che si svolge a Bari da mercoledì 22 a lunedì 27 e a Lecce da martedì 28 a domenica 2 giugno, si configura come una fertile piattaforma di confronto per gli ambiti multidisciplinari, in cui si incrociano azioni performative, workshop e contest internazionali mirati alla valorizzazione dei giovani talenti.

Sede di Digital Pride a Bari è il Fortino di Sant’Antonio Abate. A Lecce invece la manifestazione si sposta presso le Manifatture Knos e il Teatro Romano, che accoglie i live di musica elettronica e pratiche legate ai live media. Evento unico nel suo genere, la manifestazione abbraccia le performance di artisti di fama internazionale come Luca Agnani, Kanaka Project, Jem The Misfits, Hermes Mangialardo, Insynch Lab, Laura Jones e Julien Sandre, ma intende dare visibilità anche alle nuove produzioni legate ai workshop e ai contest di videomapping, sound design, vjing, architectural mapping, interactive architectural surface e cartoon animation. Per questo motivo, il programma di Digital Pride sviluppa una timeline di ben due settimane, rompendo così la concezione stessa del festival che consuma la sua offerta culturale in pochi giorni.

Il nucleo centrale dell’iniziativa è la divulgazione delle forme più avanguardistiche di creatività legata alle nuove tecnologie in aggiunta all’intento di formare nuove professionalità in grado di poter gestire efficacemente gli strumenti quali videomapping, Processing, Arduino e Pure Data, animazioni 3D, VJing e mapping interattivi su superfici architettoniche. Ogni workshop e tutti i seminari saranno tenuti da professionisti del settore e dagli artisti in cartellone per il festival.

Parallelamente ai workshop, Digital Pride lancia anche una call internazionale di videomapping, il cui vincitore, decretato da una giuria di esperti, porterà a casa un assegno del valore di 500 dollari. E ancora mostre, panel, live show arricchiscono la programmazione di questo festival, che intende promuovere una nuova sensibilità culturale non solo tra gli addetti ai lavori ma anche ad un pubblico più vasto di fruitori.

Atteso l’evento del primo giugno presso il Teatro Romano di Lecce, sul cui palco saliranno i migliori artisti provenienti dalla scena musicale elettronica internazionale come Laura Jones e il francese Julien Sandre. Inoltre produttori nazionali e pugliesi come Cristian Carpentieri e Simone Gatto, si alternano visual performer del calibro di Kanaka Project, Luca Agnani, Insynch Lab, Jem The Misfits, Hermes Mangialardo, Gruppo Denso, Workshow, per dare vita ad uno spettacolo lungo una notte intera in cui musica e immagini in movimento saranno un tutt’uno con una scenografia mozzafiato.

Artisti: Luca Agnani (IT), Julien Sandre (FR), Laura Jones (UK), Jem The Misfits (DE), Kanaka Project (IT), Cristian Carpentieri (IT), Hermes Mangialardo (IT), Gruppo WorkShow (IT), Marco Pucci (IT), Davide Ventura (IT), Alessandro Fiorin Damiani/Gruppo Denso (IT), Omar Eox (IT), Andrea Carpentieri (IT)

Luoghi

Bari > Fortino di Sant’Antonio Abate – lungomare Imperatore Augusto

Lecce > Manifatture Knos – via Vecchia Frigole, 34

Teatro Romano – via Arte della Cartapesta

Ingresso gratuito

Info: www.digitalpride.it  mail@digitalpride.it – tel: (+39) 392/1021718; 331/9698232

Ufficio stampa nazionale

Fondazione D’Ars Oscar Signorini onlus

press@fondazionedars.it

(+39) 02/860290

Ufficio stampa regionale

Valeria Raho

press@digitalpride.it

(+39) 340/6212127

FB page Twitter
Scarica il Press kit
Il festival mette a disposizione degli artisti uno spazio attrezzato per la proiezione dei propri video studiati per l’architettura della facciata posteriore del Must (Museo storico della città), prospiciente il Teatro Romano di Lecce. In particolare, le call for partecipation per il videomapping e il vijing hanno lo scopo di selezionare i video da proiettare nel corso della serata-evento di domenica 1 giugno 2013.

Videomapping > Il concorso è gratuito ed è aperto a tutti gli artisti, senza limiti di età e nazionalità. In palio, un assegno di 500 dollari per il vincitore decretato da una giuria tecnica. La deadline al concorso è fissata al 25 maggio 2013. Per tutte le informazioni si consiglia di consultare il sito www.digitalpride.it o di inviare una mail a mail@digitalpride.it.

Vjing > Il concorso è gratuito ed è aperto a tutti gli artisti, senza limiti di età e nazionalità. La deadline al concorso è fissata al 25 maggio 2013. Per tutte le informazioni si consiglia di consultare il sito www.digitalpride.it o di inviare una mail a mail@digitalpride.it.

Federica Mason Hermes Mangialardo Kanaka Projects
Metamorphosis Denso Jem the Misfits

Programma

Bari > Fortino di Sant’Antonio Abate

mercoledì 22 > Digital Pride si inaugura mercoledì a Bari presso il Fortino di Sant’Antonio Abate. Nella giornata sono previsti, a partire dalle 9 sino alle 16, i workshop di “Cartoon animation” con Hermes Mangialardo e a seguire quello di videomapping architettonico con Marco Pucci, Andrea Carpentieri e Luca Agnani.

giovedì 23 – venerdì 24 > Una due giorni dedicata a Processing. L’offerta formativa di Digital Pride prevede una full immersion su questo specifico linguaggio di programmazione che permette di realizzare animazioni, immagini e interazioni. Sviluppato come progetto open source da due ricercatori del Mit Media Lab, Ben Fry e Casey Reas, oggi Processing inizia ad essere usato anche da molti visual artists o ricercatori per via della sua immediatezza e della facilità con cui è possibile realizzare animazioni o visualizzazioni di dati. A Bari le lezioni sono tenute da Gruppo WorkShow, formato da artisti che hanno background teorici e professionali profondamente differenti: arti visive, musica, informatica, illustrazione, elettronica. Lo scopo di ogni loro progetto è combinare molteplici capacità in un unico risultato artistico mediante l’utilizzo delle tecnologie più avanzate. Le lezioni si svolgono dalle 9 alle 13.

sabato 25 – domenica 26 > All’interno di Digital Pride, il percorso formativo abbraccia anche Arduino, una piccola scheda elettronica di dimensioni pari a quella di una carta di credito. Facile ed accessibile per i costi e il funzionamento, Arduino è utilizzato soprattutto per realizzare installazioni interattive, interaction design, domotica, robotica ed è in grado di interagire con le persone, la rete e gli ambienti che ci circondano. Il docente, le cui lezioni in aula sono previste dalle 9 alle 13, è Marco Pucci dei laboratori di Nuove Tecnologie dell’Arte dell’Accademia di Brera e dell’Università IUAV.

lunedì 27 > A partire dalle 9 sino alle 16, Davide Ventura discute di “Progettazione e controllo di superfici architettoniche interattive” nel workshop che dà la possibilità ai partecipanti di analizzare e utilizzare gli strumenti operativi necessari per costruire e controllare in maniera simultanea ed interattiva modelli architettonici, sia nell’ambiente virtuale che in quello fisico. A seguire Alessandro Fiorin Damiani tiene un workshop su Pure Data, ambiente di programmazione in tempo reale per l’audio, il video e l’elaborazione grafica. Sarà possibile seguire le lezioni di questa giornata anche presso le Manifatture Knos grazie al collegamento streaming.

Lecce > Manifatture Knos

martedì 28 > Digital Pride migra alle Manifatture Knos di Lecce a partire da martedì 28. Nel capoluogo salentino, la manifestazione si apre alle 9 con il workshop di Davide Ventura su “Progettazione e controllo di superfici architettoniche interattive” sino alle 16, per poi passare il testimone ad Alessandro Fiorin Damiani, animatore e fondatore di Gruppo Denso, su Pure Data. A Bari, sarà possibile seguire gli interventi dei docenti grazie al collegamento streaming che avrà luogo presso il Fortino di Sant’Antonio Abate.

mercoledì 29 > Svela segreti e tecniche della costruzione di un cartoon digitale Hermes Mangialardo nel workshop incentrato sull’animazione, che si tiene presso la struttura delle Manifatture Knos a partire dalle 9. Segue alle 16 il corso a cura di Marco Pucci, Andrea Carpentieri e Luca Agnani su videomapping architettonico. Parallelamente, Cristian Carpentieri terrà un workshop su sound design.

giovedì 30 – venerdì 31 > I lavori della giornata si aprono alle 9 con il workshop su Processing a cura di Gruppo WorkShow sino alle 16, orario in cui hanno invece inizio le lezioni sul vijng con Omar Eox e i Kanaka Project. Durante il workshop verranno presi in esame i software base, più conosciuti ed utilizzati. Si analizzano i metodi di produzione e reperimento del materiale video, la progettazione e organizzazione del live set. L’approccio sarà pratico e teorico, orientato all’elaborazione dell’immagine in sincronia con la musica. Inoltre saranno forniti ai partecipanti anche nozioni su Arduino. Parallelamente Cristian Carpentieri terrà un workshop di sound design, mentre, sempre nella stessa giornata, a partire dalle 15, le Manifatture ospitano un workshop su Arduino con Marco Pucci.

sabato 1 giugno > La giornata si apre alle Manifatture con un workshop su Arduino tenuto da Marco Pucci (dalle 9 alle 16). Alle 19, sempre presso la stessa sede, è prevista l’inaugurazione della mostra “Eco-metamorphosis” di Sara Tortorella. Alle 21, invece, ci si sposta al Teatro Romano che accoglie la serata evento di sabato 1 giugno. A partire dalle 21, ci si accomoda nella cavea per assistere alle live performance di videomapping a cura di inSynch Lab, Luca Agnani, Kanaka Project, e si procede anche allo screening dei video inviati da artisti di tutto il mondo grazie alle open call internazionali lanciate dall’associazione in concomitanza con il festival. Sul palco salgono anche Laura Jones (UK) e Julien Sandre (FR) per dar vita ai loro djset.

domenica 2 giugno > Ultima giornata per Digital Pride. Il festival si chiude con un talk a cura dell’associazione DamageGood in cui sono previsti gli interventi dei docenti e artisti che hanno preso parte alla manifestazione e, non ultimo, di Laura Tettamanzi, docente all’accademia di Brera (Milano) e fondatrice di More Than Zero Crossmedia Festival (Milano). La serata si conclude con la proclamazione del vincitore del contest di videomapping e una live performance a cura di inSynchlab.

Credits Assessorato al Mediterraneo, Cultura e Turismo della Regione Puglia, Apulia Film Commission, Mediateca Regionale Pugliese, Comune di Lecce, Bad Ideas, Fondazione D’Ars Oscar Signorini onlus, Milano in digitale, D’ARS, DamageGood, inSynchlab, Forma mentis

Luoghi

Bari > Fortino di Sant’Antonio Abate – lungomare Imperatore Augusto

Lecce > Manifatture Knos – via Vecchia Frigole, 34

Teatro Romano – via Arte della Cartapesta

Ingresso gratuito

Una settimana fra musica e cinema di qualità in Mediateca Regionale Pugliese. La nuova struttura, gestita da Apulia Film Commission e attiva da poco meno di due mesi, ospiterà due diversi appuntamenti musicali, martedì 7 e giovedì 9, e la seconda sezione della rassegna “Registi fuori dagli sche(r)mi #2” curata da Uzak e CaratteriMobili questa settimana dedicata al regista Todd Solondz. Inoltre questa settimana si chiude il ciclo “Oshima: il rito, la rivolta” dedicato al grande autore giapponese.

 

Venendo agli appuntamenti musicali, martedì 7 maggio alle 19 ci sarà la presentazione del video “Cadevo” della band pugliese Il Guaio, realizzato da Vertigo Imaging e prodotto da Abbinante produzioni, con il patrocinio di Puglia Sounds, mentre giovedì 9 alle 20.30 sarà la volta dello showcase “Jump in the dark” promosso dall’associazione culturale Tarantola e dall’associazione Eticarte Wave Ahead.

“Jump in the dark” è un progetto di improvvisazione musicale che nasce da un’idea di Gianni Cellammare, E.R.Epifania            , Mimmo Galizia, Tony Cazzotti, Ambrogio Palmisano,

Manlio Epifania: i sei artisti/musicisti, ciascuno con la propria specifica competenza,  hanno deciso di dedicare il loro lavoro ai temi dell’ambiente e della sua tutela. Su questa scia nella presentazione di giovedì 9 in Mediateca (che sarà poi replicata il 23 maggio) hanno deciso di “commentare” con la loro musica e con i loro strumenti, in presa diretta e puntando solo sull’improvvisazione, le immagini a tema quali acqua, fuoco, aria e terra. I quattro elementi saranno proiettati ad alternanza sullo schermo della saletta della Mediateca e a partire dalle immagini saranno estemporaneamente interpretati dalla musica, ma anche da illustratori, poeti e creativi, come in una sorta di jam session

 

 

L’evento/performance che si terrà quindi in Mediateca Regionale Pugliese viene inserito in un percorso che porterà in giro per luoghi contenitore e/o di esposizione per le arti popolari contemporanee ed avrà luogo replicando e di volta in volta rinnovandosi, così come già avvenuto presso laboratori dell’associazione.

 

 

Inoltre mercoledì 8 maggio una vera e propria maratona di chiusura per la retrospettiva su Oshima.

In concomitanza con l’uscita dello “Speciale Oshima” sulla rivista Uzak, con una anticipazione anche del prossimo aggiornamento per la storica collana del Castoro, si chiude in Mediateca la retrospettiva dedicata al maestro giapponese che ha già visto durante il BiF&st anche la partecipazione di Enrico Magrelli. In programma i titoli successivi a “L’Impero dei Sensi” e due documentari: un primo sui cento anni di cinema giapponese dello stesso Oshima e uno del figlio di Rossellini che lo intervista per la RAI. I film in programma, a partire dalle ore 10,30 in poi, saranno “L’impero della passione”, “Furyo” con David Bowie e Sakamoto, “Max mon amour” il film che lo stesso regista presentò a Bari nel 1986 e “Gohatto” il capolavoro con cui conclude la sua carriera per affrontare una lunga malattia.

 

Infine venerdì 10 comincerà il ciclo di “avvicinamento” a Todd Solonz, il secondo regista ospite della rassegna “Registi fuori dagli sche(r)mi #2” che sarà poi a Bari il 14 maggio. Venerdì alle 16.00 sarà proiettato il film “Welcome to the Dollhouse” (1995), alle 18.00 si terrà l’incontro “Introduzione a Todd Solondz” e infine a seguire la proiezione di “Happines” (1998).

 

La Mediateca è un’ Iniziativa cofinanziata dal FESR – Azione 4.3.1.

Info www.mediatecapuglia.it

 

 

Shinya Tsukamoto e Alejandro Jodorowsky nella settimana della Mediateca Regionale Pugliese

Due grandi personalità del cinema mondiale, due immaginari potenti e dalle visioni allucinate sono presenti questa settimana a Bari tra la MEDIATECA REGIONALE PUGLIESE e il CINEPORTO.

Read More

“Bring your movie_condividi il tuo minuto di cinema preferito”

Inaugurazione Mediateca regionale pugliese

Giovedì 7 marzo h 18.00

Read More


1 3 4 5 6
Fondazione Apulia Film Commission , Bari - c/o Fiera del Levante, Lungomare Starita 1, 70132 | P.I. 06631230726