Giovedì 25 maggio, alle ore 17.00, sulla falsa riga del suo Maestro Dino Risi, Lorenzo Procacci Leoneraccoglie, nel volume “Il Pensatoio (mi avvalgo della facoltà di non corrispondere)”, impressioni e pensieri in disordine sparso.
Presenta Antongiulio Mancino, presidente del Sindacato critici cinematografici.

16 Mag 2017

MALACARNE

img-20170516-wa0001

Inizia Mercoledì 11 lo spazio dedicato in Mediateca, su vostra richiesta, alle trasposizioni filmiche dell’opera di Puccini, Madama Butterfly, da mercoledì in allestimento al Teatro Petruzzelli di Bari.
Quattro i film da voi selezionati sulla base dei nostri suggerimenti e delle risorse che vi abbiamo messo a disposizione, acquistandole in esclusiva anche dall’estero: M. Butterfly di David Cronenberg, in replica Mercoledì e Giovedì alle ore 14:00, Puccini e Madama Butterfly di Carmine Gallone, il primo mercoledì e il secondo giovedì sempre alle ore 16:00 e per chiudere una rarità: The toll of the sea di Chester M. Franklin, venerdì alle ore 17:00. Un’altra rarità sarà possibile vederla tra due settimane al Bif&st, Harakiri di Fritz Lang, uno dei primi film del maestro tedesco, sceneggiato per altro proprio da David Belasco, autore della tragedia a cui si ispirarono Giuseppe Giocosa e Luiigi Illica per scrivere il libretto dell’opera.
Invece è proprio l’opera lirica di Puccini ad essere al centro di “M. Butterfly” (USA – 101 min. – 1993), trasposizione del regista canadese, nel 1993, con Jeremy Irons nei panni di un console francese, che assiste all’Opera di Pechino alla rappresentazione operistica e si innamora di John Long, interprete sotto mentite spoglie femminili del ruolo soprano di Cio-Cio-San, la Madama Butterfly.  “La storia di un uomo che amò una donna creata da un uomo” in un gioco di scatole cinesi tra spy-story ed etica della morte da samurai. Un modo attuale di riproporre il dualismo tra occidente ed oriente come gioco di specchi e di doppi, cari a David Cronenberg.
Due sono i film del regista, Carmine Gallone, che, alle soglie del cinema sonoro, inventò per primo il genere operistico esportando i suoi film anche all’estero. “Puccini” (Italia – 119 min. – 1953) è una biografia romanzata del compositore, interpretato da Gabriele Ferzetti, che presenta diverse occasioni per inserire le romanze più famose. Gallone aveva inventato questa modalità sin dagli esordi, con “Casta Diva”, del 1935, girato anche in inglese per Pressburger, e poi con il famoso “Melodie eterne” del 1940 con il giovane Gino Cervi nei panni di Mozart (anche questo disponibile in Mediateca).  Compromesso con il regime fascista (“Scipione l’africano” voluto fortemente da Mussolini, e poi ancora “Harlem” contro il nemico americano e “Odessa in fiamme” contro l’URSS), nel dopoguerra Carmine Gallone torna al genere operistico e realizza tra le tante biografie anche questa su Puccini. Nel film, la Madama Butterfly è interpretata da Nelly Corradi, soprano ma anche attrice in diversi film. Già diretta da Max Ophuls e da Bragaglia interpreterà per Mario Costa “Il barbiere di Siviglia” ed “Elisir d’amore” e per Gallone “La Signora delle camelie”, “La Leggenda di Faust” e “La forza del destino”, tutti tra il 1947 e il 1950.
Nel 1939 Gallone aveva già realizzato “Il Sogno di Butterfly” ma questa volta torna a produrre un film anche in inglese esportando con successo all’estero il suo genere operistico. La “Madama Butterfly” del 1955 (Italia – 114 min.) gli consente di andare in Giappone, e per l’occasione inventa anche un prologo con 16 ballerine della prestigiosa Scuola di Takaro Zuka. Come direttore della fotografia ha Claude Renoir, nipote del grande pittore (il nonno Claude-Auguste) e del regista (lo zio Jean). Ad interpretare Pinkerton è il tenore italiano Nicola Filacuridi.
Finale prezioso per questo ciclo su Madama Butterfly con un rarissimo film muto, il primo a colori, The toll of the sea” (Fior di loto – USA – 53 min. – 1922)  di Chester M. Franklin, restaurato nel 1985 con la pellicola originale, il primo Technicolor a due soli colori primari, rigirando nell’Oceano Pacifico anche le scene mancanti. Ad interpretare Madama Butterfly è la bellissima Anna May Wong, la prima star cinese del cinema americano. Il film è stato presentato nell’ultima edizione delle Giornate del Cinema Muto di Pordenone, nell’ottobre del 2014, ed è oggi anche disponibile in Mediateca. La sua programmazione a ridosso della rassegna Forme Mobili (a seguire alle 18:00) per il Festival delle donne e dei saperi di genere  è particolarmente significativa per l’originario trattamento del soggetto, traendo solo spunto dalla tragedia già nota e insistendo invece sulla dimensione femminile del dramma. Il film ha ambientazioni e costumi di particolare fulgure essendo stati scelti per sperimentare il colore.
(a cura di Angelo Amoroso d’Aragona)

Tra cinema, opera lirica, visioni al femminile, apertura alle scuole, formazione e puntuale relazione con l’utenza la Mediateca Regionale Pugliese di Bari, gestita da Apulia Film Commission, propone una nuova settimana ricca di appuntamenti, tutti come sempre a ingresso gratuito.
Martedì 10 MARZO
ore 17:00    “Persepolis”* di Marjane Satrapi (Francia, 2007). Primo appuntamento di una rassegna organizzata dal 1° CPIA Bari, intitolata CINEma e INTEGRAzione. Film di animazione autobiografico realizzato dalla stessa autrice dell’ominimo fumetto. Premiato a Cannes e nominato per gli Oscar.

Mercoledì 11 MARZO
ore 11:00    “Il pranzo di Babette“* di Gabriel Axel (Danimarca, 1987) Ciclo di film organizzato dalla Mediateca per il Liceo Artistico De Nittis-Pascali sul tema del cibo. Tratto dal racconto di Karen Blixen si racconta di un pranzo che nasconde una profonda e dolce verità: che “un artista non è mai povero”.
ore 14:00     Butterfly on screen 1: “M. Butterfly”# di David Cronenberg (USA – 101 min. – 1993). Un ciclo di film di vostra prenotazione sulle diverse trasposizioni dell’opera lirica Madama Butterfly di Giacomo Puccini, da mercoledì allestita al Teatro Petruzzelli di Bari- Qui Jeremy Irons è “un uomo che amò una donna creata da un uomo” in un gioco di scatole cinesi tra spy-story ed etica della morte da samurai.
ore 16.00    Butterfly on screen 2: “Puccini”* di Carmine Gallone (Italia – 119 min. – 1953). Due i film del regista che, alle soglie del cinema sonoro, inventa il genere operistico. Qui Gabriele Ferzetti interpreta un Puccini donnaiolo. Madama Butterfly è interpretata da Nelly Corradi, soprano ma anche attrice in diversi film, da Max Ophuls a Bragaglia, da Mario Costa allo stesso Gallone per il genere operistico.
ore 18:00     Forme mobili 4: “Madonna mia violenta”* di Zefrey Throwell e Josephine Decker; a seguire “Thou wast mild and lovely” di Josephine Decker. Quarto appuntamento della rassegna Forme mobili per il Festival delle Donne e dei Saperi di Genere, con il contributo di Apulia Film Commission per lo sviluppo della Mediateca. Le proiezioni saranno introdotte da Antonio Marzano con l’intervento in skype call dell’autrice, Josephine Decker, a cui l’ultimo Torino Film Festival ha dedicato una sezione monografica.

Giovedì 12 MARZO
ore 14:00    Butterfly on screen 1bis: M. Butterfly”# di David Cronenberg. REPLICA
ore 16:00     Butterfly on screen 3: Madama Butterfly”* di Carmine Gallone (Italia – 114 min. – 1955). Nel 1939 Gallone aveva già realizzato “Il Sogno di Butterfly” l’anno prima di realizzare l’ambizioso “Melodie eterne”* sulla vita di Mozart. Tornato nel dopoguerra al genere operistico, tenta di esportare e con successo le sue trasposizioni, questa volta andando in Giappone. Ad interpretare Pinkerton è il tenore italiano Nicola Filacuridi.
ore 18:00     “Viola di mare” di Donatella Maiorca (Italia – 105 min. – 2009). Tratto dal romanzo “Minchia di re” di Giacomo Pilati, racconta di un amore tra due donne nella Sicilia dell’800. Un film contro l’omofobia per gli appuntamenti, in Mediateca, di Amnesty International.

Venerdì 13 MARZO
ore 17:00     Butterfly on screen 4: “Fior di loto (The Toll of the Sea)”* di Chester M. Franklin (USA – 53 min. – 1922). Finale prezioso per questo ciclo su Madama Butterfly con un rarissimo film muto, il primo a colori, restaurato nel 1985 con la pellicola originale Technicolor a due soli colori primari, rigirando nell’Oceano Pacifico anche le scene mancanti. Ad interpretare Madama Butterfly è Anna May Wong, la prima star cinese del cinema americano.
ore 18:00    Forme mobili 5:  “Hoppla” di Wolfgang Kolb su coreografia di Anne Teresa de Keersmaeker. Introduzione e cura di Angela Calia. Quinto appuntamento della rassegna Forme mobili per il Festival delle Donne e dei Saperi di Genere, con il contributo di Apulia Film Commission per lo sviluppo della Mediateca. La rassegna si chiude con l’ultimo evento venerdì 20 marzo, con una anteprima regionale, ospite il regista Cangelosi, a cui seguirà un party di chiusura con apertura notturna straordinaria della Mediateca. Vi aspettiamo!

Altri appuntamenti riservati
Si avvisa l’utenza che Lunedì 9 e Martedì 10 marzo, la Sala Proiezioni sarà riservata dalle 10:00 alle 17:00 per un corso di formazione dell’Associazione Italiana Biblioteche con Tatiana Wakefield della Biblioteca San Giorgio di Pistoia. Invece Giovedì 12 sia la sala proiezione sia la hall saranno per tutta la mattinata riservate ai bambini per un progetto sviluppato per la Mediateca dalla Associazione Essere Terra.

Nota Bene:
* I film con l’asterisco sono risorse della Mediateca e possono essere richiesti, per visione sia singola su postazione multimediale sia plurisoggettiva in sala, anche in date diverse. È possibile che siano disponibili anche per il prestito (chiedere al front office).
# I film contrassegnati con il cancelletto sono disponibili solo su postazione multimediale o in sala, per visioni singole o plurisoggettive. Non sono disponibili per il prestito.

Si è svolta ieri in Mediateca una breve ma intensa lezione di cinema su Elvira Notari. Ad intevenire la scrittrice Chiara Ricci, invitata per la rassegna FORME MOBILI in occasione del Festival delle donne e dei saperi di genere. Potete vedere e ascoltare gli interventi alla pagina “eventi in streaming” del sito o sulla nostra pagina youtube

Martedì 3 marzo s’inaugura Forme Mobili: la rassegna del Festival delle donne e dei saperi di genere. Sei appuntamenti con preziosi ospiti e visioni, resi possibili dal contributo di Apulia Film Commission per una riflessione sulla natura di genere dello sguardo “al femminile”…e non solo

Si inaugura martedì 3 marzo alle ore 20.00 con il film “Audre Lorde – The Berlin Years 1984 to 1992” di Dagmar Schultz la rassegna “Forme Mobili” proposta dall’associazione culturale TransTv in Mediateca Regionale Pugliese e realizzata con il contributo della Fondazione Apulia Film Commission.

La rassegna prevede un calendario di sei appuntamenti inseriti all’interno del cartellone di eventi del Festival delle Donne e dei Saperi di Genere. Ad inaugurare la manifestazione verrà proiettato un documentario dedicato alla figura-simbolo che accompagna il Festival, la poetessa e scrittrice omosessuale Audre Lorde. Al film seguirà la performance “My sister and I” del collettivo “Le Disobbedienti” di e con Angela Calia e Nadia Casamassima. La serata è organizzata grazie alla collaborazione di Arcilesbica Mediterranea Bari.

La manifestazione proseguirà il 5,6, 11, 13, e 20 marzo e vedrà la partecipazione di ospiti quali Karianne Fiorini, co fondatrice dell’archivio nazionale del Film di Famiglia Home Movies di Bologna, la scrittrice Chiara Ricci che ci guiderà alla scoperta di Elvira Notari, la prima cineasta italiana a farsi strada nel mondo del cinema, a maggioranza maschile, e il regista Simone Cangelosi che presenterà i suoi due documentari “Dalla testa ai piedi” e “Una nobile rivoluzione”. Interverrà in una conference call per un dibattito con il pubblico l’artista visiva Josephine Decker, cui è stata dedicata una monografica durante l’ultima edizione del Torino Film Festival.

“Forme Mobili – ci tengono a dichiarare le ideatrici Martina Melilli e Annalisa Colucci – è una riflessione sulla donna e sulle differenze di genere e sul linguaggio artistico filtrato attraverso le immagini. Siamo soddisfatte della qualità del programma di questa edizione. Siamo riuscite a ricavare uno spazio dedicato all’audiovisivo all’interno di una manifestazione consolidata come il Festival delle Donne e dei Saperi di Genere”.

BANNER-2

Il calendario completo:

● 3 Marzo 2015 ore 20:00 – NEL SEGNO DI AUDRE LORDE

Proiezione , in collaborazione con Arcilesbica Mediterranea Bari, del film “Audre Lorde – The Berlin Years 1984 to 1992” di Dagmar Schultz (79‘). Introduzione a cura di Valeria Stabile.

— a seguire My sister and I, performance di “Le disobbedienti” —

● 5 Marzo 2015 ore 18:00 – ELVIRA NOTARI: LA PRIMA CINEASTA ITALIANA
Proiezione di “‘E piccerella” (44’) e “Fantasia ‘e surdate”(34’). Interviene Chiara Ricci.

● 6 Marzo 2015 ore 18:00 – SGUARDI FEMMINILI A PASSO RIDOTTO: un estratto tutto al femminile dall’archivio Home Movies – Archivio Nazionale del Film di Famiglia
Proiezione di una selezione di film provenienti dall’archivio curata da Karianne Fiorini. Proiezione dei fondi Olivo, Babina e Pignatelli e intervento della curatrice.

● 11 Marzo 2015 ore 18:00 – I CORPI INQUIETI DI JOSEPHINE DECKER
Proiezione di “Madonna mia violenta” di Zefrey Throwell e Josephine Decker (12’57”) e “Thou wast mild and lovely” di Josephine Decker (‘94). Introduzione a cura di Antonio Marzano e intervento della regista Josephine Decker che si collegherà con noi in Skype call.

● 13 Marzo 2015 ore 18:00 – ANNE TERESA DE KEERSMAEKER: CORPI CHE DISEGNANO LO SPAZIO
Proiezione di “Hoppla” (52′) di Wolfgang Kolb su coreografia di Anne Teresa de Keersmaeker.
Introduzione a cura di Angela Calia.

● 20 Marzo 2015 ore 18:00 – FORME MOBILI DALLA TESTA AI PIEDI
Proiezione di “Dalla testa ai piedi” (28′) e di “Una nobile rivoluzione” (80′). Interviene il regista Simone Cangelosi.
— a seguire CLOSING PARTY a cura di Arcilesbica Mediterranea Bari ● Mary dj —

chi è chi

Valeria Stabile è un’attivista di ArciLesbica Mediterranea Bari, un’associazione lesbica, politica e culturale esclusivamente femminile che si occupa di combattere ogni forma di pregiudizio e discriminazione nei confronti delle lesbiche e delle persone omosessuali e transgender e di rivendicare il riconoscimento e il pieno godimento dei loro diritti civili.

Chiara Ricci è una scrittrice. Nel 2013 ha pubblicato un saggio su Elvira Notari intitolato “Napoli Terra d’amore. The eye on the screen of Elvira Notari” pubblicato negli Stati Uniti nel libro “Italian Women Filmmakers and the Gendered Screen” curato di Maristella Cantini.

Karianne Fiorini è archivista e co-fondatrice dell’associazione Home Movies – Archivio Nazionale del Film di Famiglia.

Angela Calia è una coreografa ed è coautrice del progetto di teatro danza “Le disobbedienti”.

bannerCannesSi apre con l’avvio della lunga rassegna “Viaggio a Cannes”, un omaggio ai film vincitori e non solo negli ultimi anni al festival francese, la settimana nella Mediateca Regionale Pugliese gestita da Apulia Film Commission. Dalla proposta di titoli celebri e meno celebri, passando per la presentazione di lavori di autori più giovani, per arrivare alla letteratura e alla storia del territorio la Mediateca si prepara nuovamente a offrire un ricco programma di appuntamenti ai suoi utenti.

Venendo quindi al ciclo “Viaggio a Cannes”, da lunedì 9 giugno e fino a venerdì 20 giugno, tra mattine e pomeriggi sarà possibile vedere e rivedere film legati al festival terminato poche settimane fa: ci saranno quindi titoli vincitori (Palma d’oro, Premio della giuria), film presentati in sezioni prestigiose quali la Quinzaine des Réalisateurs, oltre che i primi lavori di Nuri Bilge Ceylan – vincitore quest’anno della Palma d’oro – e di Alba Rohrwacher –  nomination per la palma d’oro e Grand Prix Speciale della Giuria  anche lei quest’anno -.

Lunedì si comincia, alle 10.00, con “Polisse” di Maïwenn Le Besco, Premio della Giuria nel 2011; alle 12.30 “Lo sconosciuto del lago” di Alain Guiraudie, Queer Palm e premio Un Certain Regard per la miglior regia nel 2013; infine alle 15.00 “Broken Flowers” di Jim Jarmusch, Grand Prix Speciale della Giuria nel 2005. Il ciclo proseguirà quindi per tutta la settimana e la successiva: in allegato il programma dettagliato.

banner_NO_FACEBOOKSempre lunedì 9 giugno, alle 17, sarà presentata dalla stessa regista l’opera prima “Happy Days Motel” di Francesca Staasch. “Happy Days Motel” è insieme un road movie, un noir contemporaneo e una commedia acida e surreale. Racconta il grottesco e sconclusionato viaggio di un uomo normale, Balti (Lino Guanciale, già visto in “Vallanzasca”, “Il Gioiellino”, “Il Volto di Un’Altra”, in tv in “Una grande famiglia” e “Che Dio ci Aiuti!”) – uno che dalla vita non si aspetta altro che di essere lasciato dove sta – in una dimensione popolata di personaggi ai limiti: Laura che ha perso sua figlia dopo 7 anni di coma, Dustin un meccanico autolesionista che arrotonda facendo il gigolò, Lupo e Candy, un’improbabile coppfb-coveria di innamorati platonici.

La settimana prosegue con due presentazioni di libri: martedì 10 alle 18.00 sarà presentato il libro “Una famiglia borghese meridionale, i Porro di Andria” di Riccardo Riccardi, frutto di ricerche sulla città di Andria del XIX secolo e sulle ricche famiglie andriesi dopo la rivoluzione francese, messo a confronto con un testo giù edito dallo stesso autore sulla famiglia Garibaldi di Bari; mercoledì 11 alle 18.00 la presentazione di “Quando andavamo al cinema” di Nicola Mascellaro nel quale l’autore, per trent’anni nell’archivio della Gazzetta del Mezzogiorno, ricostruisce il periodo d’oro del cinema nella città di Bari nel secolo passato, partendo dalle prime proiezioni al teatro Margherita.

Miscellanea_bannerMediatecaInfine la settimana in Mediateca si conclude, venerdì 13 giugno alle 19.00 con l’evento “Miscellanea: come suona il paesaggio” proposto dall’associazione Rec Movie, i collaborazione con Oggetti Smarriti e Archivio italiano dei paesaggi sonori, una grande festa di video e musica. Il musicista Francesco Giannico si esibirà in una performance elettroacustica durante la quale si mescoleranno suggestioni e visioni, suoni e immagini con i video già inviati dal popolo del web per il progetto Puglia Open Movie, il primo film social  che racconta la Puglia. Le due autrici Marianna Fumai e Gabriella Cosmo invitano tutti a partecipare al film collettivo, portando in Mediateca, su qualsiasi supporto, un video che racconti la propria idea di Puglia. Miscellanea è un momento d’incontro tra musica sperimentale e cinema amatoriale, e soprattutto un’occasione per arricchire il progetto Puglia Open Movie di inediti sguardi sul nostro territorio.

Promosso dal Conservatorio Niccolò Piccinni di Bari  si svolgerà Lunedì 19 alle ore 11:00 nella Sala dell’Organo che vide nel 1975 Federico Fellini fare visita all’amico Nino Rota, un incontro aperto al pubblico e di libero accesso con il regista Marco Bellocchio, a Bari in questi giorni per la regia dell’opera lirica PAGLIACCI di Ruggero Leoncavallo. La Mediateca Puglia è orgogliosa di essere partner di questo evento a cui concorrerà con i propri mezzi e le proprie competenze, oltre che organizzando un ciclo di proiezioni per la sua utenza.

Infatti grazie alla collaborazione della Fondazione Petruzzelli saranno riservati dieci ingressi omaggio per PAGLIACCI, in cartellone dal 21 al 28 maggio, per gli utenti della Mediateca che vedranno il maggior numero di film di Marco Bellocchio nella retrospettiva a lui dedicata che inizia Venerdì 16 e si conclude Mercoledì 21, giorno della prima al Teatro Petruzzelli.

In calce il programma e i dettagli della iniziativa.

locandina A3_bellocchio#2

Venerdì 16 ore 10:00 – 20:00
Ore 10:00 – I Pugni in Tasca 1965 104’
Ore 12:00 – Nel nome del padre 1972 103’
Ore 15:00 – Marcia Trionfale 1976 97’
Ore 17:00 – Salto nel vuoto 1980 114’
Ore 19:00 – Addio del passato 2002 47’ (documentario su Giuseppe Verdi, introdotto da Angelo Amoroso d’Aragona, propedeutico all’incontro di Lunedì 19 presso il Conservatorio di Bari)

Lunedì 19 ore 11:00 – 13:00
Conservatorio Niccolò Piccinni di Bari – Incontro con Marco Bellocchio nella sala dell’organo
Ingresso aperto al pubblico e libero

Lunedì 19 ore 13:00 – 17:30
Ore 15:00 – Vacanze in Valtrebbia 1980 45’
Ore 16:00 – Gli occhi la bocca 1982 102’

Martedì 20 ore 10:00 – 18:00
Ore 10:00 – Enrico IV 1984 85’
Ore 11:30 – Diavolo in corpo 1986 115’
Ore 15:00 – L’ora di religione 2002 101’
Ore 17:00 – Addio del passato (replica, vedi venerdì 16 ore 19:00)

Mercoledì 21 ore 10:00 – 14:00
Ore 10:00 – Il regista di matrimoni 2006 100’
Ore 12:00 – Sorelle mai 2010 104’

Mercoledì 21 ore 15:00 – 20:00
I primi dieci utenti della Mediateca che avranno accumulato il maggior numero di presenze saranno scelti per un ingresso omaggio al Teatro Petruzzelli per Pagliacci di Ruggero Leoncavallo con la regia di Marco Bellocchio. Il ritiro dei biglietti sarà possibile Mercoledì 21 dalle ore 16:00 alle ore 20:00 e sarà comunicato con e-mail o sms ai diretti interessati dopo le ore 15:00 dello stesso giorno.

Sono disponibili in Mediateca per il prestito i seguenti titoli:
– Buongiorno Notte 2003 102’
– Vincere 2009 124’
– Bella Addormentata 2013 111’
invece tutti i titoli sopra elencati per le proiezioni saranno disponibili per il prestito solo da Giovedì 22.

Mercoledì 14, alle 11, ci sarà l’incontro pubblico “Giungla, Different stylee, Rosapaeda_30 anni di musica in movimento” , organizzato per  raccontare un percorso mai concluso che nasce dalla “Giungla”, prima esperienza di occupazione a Bari, passa per i Different Stylee, primo gruppo reggae in Italia e continua attraverso Rosapaeda, icona del canto “made in Puglia”  ed il suo nuovo lavoro discografico: “Rosapaeda inna Different Stylee”. Per l’occasione negli spazi della Mediateca sarà allestita una mostra fotografica con immagini relative alle esperienza di Giungla, Different style e della stessa Rosapaeda; ci saranno proiezioni video e inoltre l’esposizione di materiali d’epoca quali vinili originali, fanzines e manifesti.

All’incontro di mercoledì parteciperanno: Antonio Princigalli (coordinatore Puglia Sounds), Mimmo Pizzutilo (esperto musicale, ex Different stylee), Francesco Lopez (regista), Rosapaeda (cantante, ex Different stylee), Eddi Romano (musicista compositore), Michela Ventrella (giornalista) e Claudia Attimonelli (responsabile attività culturali Mediateca Regionale Pugliese)

 

locandina 14


1 2 3
Fondazione Apulia Film Commission , Bari - c/o Fiera del Levante, Lungomare Starita 1, 70132 | P.I. 06631230726